venerdì 4 ottobre 2019

QUE

Que te regalen sonrisas
envueltas en besos
para que se vuelvan caramelos
sobre tus labios

Que te despierten

y sea aún oscuro

para llevarte a ver el alba

Que te arropen
para que no tengas frío

Que te pongan entre las manos
una taza de café

Que cuando estés felíz
te hagan espacio para que dances
y te abran el telón del cielo

Que ese sea tu escenario

Que cuando te miren para darte amor
te viajen hasta el centro del alma
y allí te dejen los dones

Que no dejen de mirarte así

Que cuando estés absorta
en tus pensamientos
te acompañen con silencios sagrados

Que te enseñen a ver

los matices del arcoiris
en un día de lluvia del sol

la flor en un capullo

la mariposa en una crisálida

tu rostro en el espejo del río

el milagro
cuando todo parece estar perdido

Que te esperen con esperanza de verte

Que no vean la hora de volverte a ver

Que si te enfermas
te sanen el cuerpo y el alma
a punta de cuidados y de premuras

Que te regalen
un cachorro para cuidar

que te nazcan un hijo
para crecer

que te den un jardín
para que cultives colores y aromas

que te dediquen una canción

tú sabrás qué hacer con ella

Que te muestren el mundo
desde lo alto
para que tu mirada

se pierda en los horizontes

suba por los muchos montes

vuele a rás del mar

Que te hagan ver

lo pequeño

el detalle

lo invisible

Que tú puedas
amar al otro

de la misma forma y substancia

como ese otro
te ama a ti

©hebemunoz



venerdì 30 agosto 2019

CITTÀ DI RESIDENZA

Della tua schiena

faccio la mia città di residenza

Passo ad essere la inquilina fissa

dei tuoi occhi sognati

intorno al sole dei tempi

Abito qui

affacciata sul balcone della tua storia

dove scrivo a mano i tuoi passi

di orme segnate sulle valli  dei tempi

Ho deciso di traslocare

al vicolo stretto del tuo abbraccio

quello vicino alle cose che ami

così dalla finestra dei tuoi ricordi

potrò vedere te

che canti

che vai

che torni

che vivi

Sei

la mia stazione

di arrivo e di partenza circolare

dopo i lunghi viaggi di me stessa

Io ti chiamo

hogar

©hebemunoz

domenica 25 agosto 2019

DOVE SONO ANDATE LE OMBRE

Dove sono andate le ombre
in mezzo a questo grigio piatto
che regna incurante delle forme

Eclissati i colori
dietro al cielo cupo

sopratutto il blu

in
un sorriso distratto di nuvola

Lo sguardo torvo

si perde
nel profondo sbiadito delle case

posate in silenzio

sulla piazza vuota

Tutto profuma di malinconia

occhi chiusi

sono le finestre dell'ora di pranzo

Lontano

lontanissimo

il cinguettio degli uccelli

migrano
portati via dal vento
sulle acque del Po

diventano eco
dei giorni delle farfalle

Tutto tace

perso nella noia
delle forme anonime
dei vicoli sbiaditi

orfani di passi
andati a vivere
nel quelchefuunavolta

qualsiasialtracosa

Dov'è andato lo splendore

della gioia che salta

del bagliore della sorpresa del
inatteso

in un batter d'occhio distratto

Mi domando

quando finirà
questa tempesta

di lampi abbaglianti dello spirito
di tuoni assordanti del pensiero

Velano il limite
tra l'infinito e le acque

Dove
le ombre di ogni cosa

Dove
la mia ombra

inequivocabilmente
dalla mano della luce

Eppure

la luce
tornerà

©hebemunoz

lunedì 19 agosto 2019

Torino

Il Po

lento divide
le terre del regno dei Savoia
immutabile alla nostalgia
che su di esso galleggia
cercando i ponti dove
si nascondo i baci

Questo cielo

ai pensieri

consegna un posto
sulla striscia di nuvole
per fare compagnia
ad un sole intangibile

I miei sospiri
scorrono in mezzo alle Gallerie

incuranti dei colori in ferie

percorrendo  il corridoio
della brezza umida d'estate

vanno
senza domande
alla Piazza del ritrovo
per un caffé nel Baratti

La gioia viene a singhiozzi

dagli alberi delle braccia aperte

dalle corse infantili
che fanno a gara
con gli scoiattoli
padroni del parco

dalle chiacchierate spensierate
vestite di ora azzurra
su di un tavolino stretto della Piola

Torino
te la racconti tu
nella lingua
che il tuo cuore conosce

©hebemunoz

venerdì 12 luglio 2019

DONDE ESTÁ EL CIELO

Que te dejes quieta

que te sueltes las manos aves

que respires del aire del vuelo

Que no te golpees el recuerdo

ni te trates mal

por hacer olvidando
por errar en el hacer

Que ya está bueno
de doblar tus sueños pañuelos

que rebosan tus bolsillos

Que te quites los zapatos
que te aprietan los pies
que te los dejan huérfanos de pasos

pasos sin camino ni huellas

Que te arranques de la piel
las sin-palabras

Que el cielo no está lejos

ni tan alto ni arriba

que te envuelve

©hebemunoz

domenica 12 maggio 2019

DI PRIMAVERA

In nido al tepore

un cinguettio
di primavera

primizia la rinascita

sbocciandomi
misiva di umida terra

alla luce in labbra

mi fiorisce

©hebemunoz

giovedì 14 febbraio 2019

DE LA INMENSIDAD

Delante a la inmensidad del eterno

Delante a la majestuosidad del creado

Delante a la insondable
profundidad de los sentimientos

un todo somos

un nada infinito

donde

nos reconocemos
nos encontramos

©hebemunoz