domenica 31 dicembre 2017

A COLORI /// A COLORES

A colori vivo
Oltrepasso
passo a passo
il nero ed il bianco
le solite ombre
il vuoto di luce
Non sono perfetta
sono a colori
Questo
non é poi cosí grave
visto che posso cadere
come pioggia di sole
tra le crepe nascoste
di un tutto che sembra nulla

Poliedrica
dalla luna dei tuoi occhi
mi rifletto con sfaccettature
d'animo e di pensiero
tutti spigoli arrotondati
nell'universo convesso 
che ti appartiene
Spalmata policromia
ti dono
nel buio silente
di un pensiero muto
Arcobalenata
nei tuoi giorni tempestosi
indosso fiori nei piedi
affinché tu mi segua
Vieni
ti porto a vedere
dei miei prati
delle mie colline
la primavera
©hebemunoz
A colores vivo
Passo a passo
passo através
del negro y del blanco
de las mismas sombras
del vacío de luz
No soy perfecta
soy de colores
Esto
no es tan grave después de todo
ya que puedo caer
como lluvia de sol
entre las grietas escondidas
de un todo que parece nada
Politécnica
desde la luna de tus ojos
me reflejo en facetas
de ànimo y de pensamiento
aristas redondeadas
en el universo convexo
que te pertenece
Unta policromía
te dono
en medio de la oscuridad silenciosa
como un pensamiento mudo
Arcoirisada
en tus días tempestuosos
llevo puestas flores en los piés
de tal manera que tú me sigas
Ven
te llevo para que veas
de mis prados
de mis colinas
la primavera
©hebemunoz

mercoledì 27 dicembre 2017

NON SOLO /// NO SOLO


Della vita
le acque
dei cieli dell'oceano

i tempi

navigano
incuranti dell'esistere

Pisces tra le mie mani

Di me
battito di cuore
la scia

Di noi
canto dei cantici
l'amato amare amante

Perpetuo essere

non solo esistere

©hebemunoz

De la vida
las aguas
de los cielos
el océano

los tiempos

viajan
incurantes del existir

Pisces entre mis manos

De mí
latido del corazón
la estela

De nosotros
cantar de los cantares
lo amado amar amante

Perpetuo ser

no solo existir

©hebemunoz

venerdì 1 dicembre 2017

ONIRICA VEGLIA

Listen to ONIRICA VEGLIA by HebeMunoz.3gpp by Hebe Munoz #np on #SoundCloud https://soundcloud.com/user-941179458/onirica-veglia-by-hebemunoz

lunedì 30 ottobre 2017

LE NUBI LENTICOLARI


Sei tu
l'umidità contenuta
nei flussi d'aria
dei mie sogni intimi
Il tuo alito
diventa un'onda orografica
quando incontra
il mio bacio in rilievo
tra le mie labbra calde
La tua luce
attraversa
il vapore cristallato
delle mie acque
diffondendosi
su questo mio cielo
in festa colorato
di nubi lenticolari
©hebemunoz

venerdì 20 ottobre 2017

Eridanus


Come la nebbia sull'Eridanus
avvolgi
le sponde dei miei fianchi
e il tuo fiume
attraversa
la pianura del mio ventre
Lí dove il tuo desiderio
naviga lento
mi faccio profonda
Nella geografia delle tue mani
si divide un delta
carezze scorrono
sino a giungere
il nostro Adriatico
che si fa
immenso
Attraverso
l'intima bruma
che c'è
nel cielo dei tuoi pensieri
sopra i tuoi specchi liquidi
ninfeica
a pelo d'acqua
mi distendo
su
di
te
affondo le mie radici
nei tuoi fondali
ancorata
a
te
Eridanus
muoviti in me
oltre
la nebbia
fitta
©hebemunoz

venerdì 29 settembre 2017

CHICCHI DI LUNA//GAJOS DE LUNA

Gajos de luna
iluminan
los pasos de la noche
a besos lentos

donde se tocan
las puntas de nuestras
dichas

©hebemunoz
www.impressioniecertezze.com

giovedì 28 settembre 2017

T'AMO ANCH'IO /// YO TAMBIEN TE AMO

Sul molo della vita

i tuoi occhi
verdemareinverno

mi hanno  incantata

Ho visto
sorgere il sole
nell'iride del tuo sguardo
spuntando
nell'orizonte
dei miei

Ci siamo navigati
in uno scambio salmastro

E
t'amo anch'io
nel tepore dei giorni

giorni nostri
fatti con le mani

queste mani nostre

mani del cuore

cuore
senza pieghe

cuore
sino alle rughe

©hebemunoz

(TRADUCCION EN ESPAÑOL)

En el muelle de la vida

tus ojos
verdemarinvierno

me han encantado

He visto

nacer el sol
en el iris de tu mirada

despuntando

en el horizonte
de los míos

Nos hemos navegado
en un intercambio salubre

Y yo
también te amo

en la tibieza de los días

Días nuestros

hechos con las manos

manos del corazòn

corazòn
sin dobleces

corazòn
hasta las arrugas

©hebemunoz

LUOGHI /// LUGARES

Ci sono dei posti
che mi raccontano
che mi emozionano

E poi ci sono quelli
a cui
sono io che racconto
li emoziono
li coloro
e rimangono
intinti di me

©hebemunoz

(TRADUCCION EN ESPAÑOL)

Hay lugares
que me cuentan
que me emocionan

Y luego existen esos
a los cuales
soy yo que les cuento cosas
los coloreo
los emociono
los dejo impregnados
de mí

©hebemunoz

LUOGHI  II // LUGARES  II

Custoditi tra

la tua lingua ed il mio mare
le mie mani e la tua schiena
una follia e  tramonti infuocati
che indorano le città

Io

ad ogni collina
assegno un nome nostro

ad ogni vicolo
regalo i nostri passi lenti
di dita inquiete

Questi luoghi
avranno per sempre

le impronte dei nostri silenzi

la firma indelebile
di ciò che ci appartiene

©hebemunoz

(TRADUCCION EN ESPAÑOL)

Guardados entre

tu lengua y mi mar
mis manos y tu espalda
una locura y atardeceres de fuego
que doran las ciudades

Yo

a cada colina
le asignó un nombre nuestro

a cada callecita
le regalo nuestros pasos lentos
de dedos inquietos

Estos lugares
tendràn para siempre

las huellas de nuestros silencios

la firma indeleble
de eso que nos pertenece

©hebemunoz

lunedì 4 settembre 2017

TE PERDONO /// TI PERDONO

Fu il silenzio

un assordante silenzio

quello che gelò le mie vene

Fu il formicolio

delle mie mani
distese verso il nulla

ed il mio petto dilatato
partorendo un dolore

una volta che si sono rotte
le acque del pianto

pianto di piombo
senza tempo

quelle che diedero conferma
che delle tue orme

né le tue impronte
né i tuoi piedi scalzi

camminavano per quella casa

Così sono
le assenze repentine

non pronunciano ne anche una parola

hanno sulle labbra
il sapore amaro
di un finale
senza addio

Nessuno vidi
nessuno ascoltò
non si è nemmeno percepito
lo sbiadire della tua figura
dietro la porta

Così sono le tombe
degli affetti scomparsi

dopo che sono stati
condannati a morte

C'è gente che preferisce
tenerli in vita
diluiti negli angoli cupi
dei ricordi
e non hanno il coraggio
di lasciarli andare

Oggi

a volte

la tua assenza
bussa alla mia porta

mi chiama con la voce che
gli è mancata allora

I tuoi passi
non hanno più una casa

Sono germogliati
dei fiori sul tuo sepolcro
dove io

con il mio pianto

trasformato in sorrisi

ti perdono

©hebemunoz

(TRADUCCION AL ESPAñOL))

Fuè el silencio

un ensordecedor silencio

el que me heló las venas

Fué
el hormigueo
de mis manos
extendidas hacia la nada
y mi pecho dilatado
pariendo un dolor
una vez rotas
las aguas del llanto
llanto de plomo
sin tiempo

las que me confirmaron
que de tus pisadas

ni las huellas
ni tus piès descalzos

caminaban por aquella casa

Así son
las ausencias repentinas

no pronuncian ni siquiera una palabra

llevan en los labios
el sabor amargo
de un final
sin despedida

Nadie vió
nadie escuchó
nisiquiera se percibiò
el desdibujarse de tu silueta
detràs de la puerta

Así son
las tumbas
de los quereres desaparecidos

una vez
que han sido
sentenciados a muerte

Hay quienes prefieren
mantenerlos en vida
diluídos en los sombríos àngulos
de los recuerdos
y no tienen el coraje
ni de decirte adios

Hoy

a veces

tu ausencia llama
con la voz que te faltò

Tus pasos ya no tienen casa

Le han nacido flores a tu tumba
donde yo

con el llanto
transformado en sonrisas

te perdono

©hebemunoz

giovedì 29 giugno 2017

TI DICO NO



Anche se

pestata
violentata
minacciata
morsa nel profondo
colpita su tutti i fianchi
e sui fianchi

con le tue pietre
faccio un muro

ti rinchiudo dentro

Mi sono leccata
tutte le ferite

quelle che mi hai fatto

con i tuoi pugni chiusi
con la tua boca aperta
con i tuoi occhi infuocati

Queste mie mani
raccolgono il mio cuore torturato

Cullo il dolore
con un canto d'anima

Le paure buie
le lacrime fiumate
i lividi nascosti sotto il trucco
e tra un sorriso

Sono tutte cicatrici
che porto con me

Sulle mie ginocchia
insanguinate
mi alzo in piedi

Dico Si
a me stessa

Tremando

ti denuncio al mondo
ti punto con il dito

Tu non sei un uomo

questo non è amore

Volo via
lontano da te

mi faccio coraggio

Salvo me stessa

Addio

hebemunoz©24.11.2014
















NON SI E' FERMATO QUEL TRENO /// NO SE DETUVO AQUEL TREN



Non si é fermato quel treno

sino ad arrivare
all'appuntamento

che con l'amare
avevamo io e te

T' ho visto

per la prima volta

dopo non so quanti gradini
che salivano
verso il battito del cuore

Parma non era la stessa

si era vestita di sole

per accogliere
i nostri primari sguardi

Lei è diventata nostra

La Città d'oro
le margherite del Parco Ducale
il silenzio dei Giardini di San Paolo
la carezze della brezza sul Lungoparma

chinati davanti a noi

Verdi
scrisse

di quel bacio rubato
vinto all'attesa
di calendari chiusi

una marcia trionfale 

Si aprì il sipario
della vita

quando in un unico richiamo

le campane del Duomo
annunciarono al cielo
delle nostre mani intrecciate

attraversando

paure
lenzuola
e albe

Era un campo fiorito 
quella stanza
che profumava d'Uno

Apro gli occhi e ci sei

Siamo oltre insieme

oltre la notte ed il giorno
e così giorno dopo giorno

oltre ogni parola
con i sui silenzi tra parentesi

oltre la possibilità di una negazione

Siamo ormai
oltre torrente

e tutto ci appartiene

hebemunoz©29.06.2017


(TRADUCCION EN ESPAñOL)


No se detuvo aquel tren

hasta que llegó

a la cita con el amar
que tenìamos tù y yo

Te vi

por primera vez

después de no sé cuantos escalones
que subían
hacia el latir del corazón

Parma no era la misma

se había vestido de sol

para recibir
nuestras primarias miradas

Ella fuè nuestra

La Ciudad de oro
las margaritas del Parque Ducal
el silencio de los Jardines de San Pablo
las caricias de la brisa por el Largoparma

inclinados delante de nosotros

Verdi
escribió

sobre aquel beso robado
ganado al esperar
de los almanaques cerrados

una marcha triunfal

Se abriò
el telón de la vida

cuando en una único llamado

las campanas del Duomo
anunciaron al cielo
de nuestras manos entrelazadas

atravesando

miedos
sábanas
y auroras

Era un campo florido

aquella habitación
que perfumaba de Uno

Abro los ojos y estás

Estamos del otro lado juntos

del otro lado de la noche y del día
y asì día tras día

del otro lado de cada palabra
con sus silencios entre paréntesis

del otro lado de la posibilidad de una negación

Estamos ya
del otro lado del torrente

y todo nos pertenece

hebemunoz©29.06.2017















domenica 2 aprile 2017

Gocce di poesia // Gotas de poesía

DA QUANDO


Da quando so chiudere gi occhi
riesco a sentire
il rumore dei passi accelerati

che nella loro corsa

tutte le donne che sono stata
fanno per raggiungermi

Come grovigli 

nelle scelte fatte

si nascondono
desideri piegati con cura

come quello del primo soffio di vento
sull'altalena bambina

volare

Da quando ho imparato
ad aprire le mani 

i colori sono
impronte delle mie dita

nel dappertutto del ovunque

su chiunque

Semino fiori

Da quando mi giunse la parola

dalle mie labbra scaturisce il miele

da donare
da bere

E non c'é mai stato un sogno infranto

da quando 

l'ho cullato sul mio petto
allattato con il mio seno
protetto sin dal grembo

Posso dunque

oltrepassare
ogni velo di vissuto

lluminare l'iride dell'anima

senza ombre né dubbi

danzare l'amare
nell'immensitá dell'assoluto

Sará allora

il tramonto

un bacio tra la luce e l'avvenire

©hebemunoz2017

Immagine by Daniela Costanza Lintas
"Sentimento antico"
Tecnica mista su cartone telato 33x48
Anno 2016

venerdì 31 marzo 2017

DEDICATO /// DEDICADO


Dedicato ai cari delle vittime
del tremore della terra
Dedicato ai cari delle vittime
del abbraccio inatteso della neve pallida
Dedicato a voi
che non mollate nonostante i muri quotidiani
Sento il vostro cuore battere tra le mie mani
Porgo in essi farfalle colorate di pace
Italia mia♡
De un corazón quebrantado
nacerà de nuevo
la vida
màs fuerte
que antes
màs bella
que nunca

©hebemunoz

(TRADUCCION EN ESPAÑOL)

Dedicado a las personas queridas
de las victimas de temblor de la tierra
Dedicado a as personas queridas victimas 
del abrazo inesperado de la nieve pálida
Dedicado a ustedes
che no se rinden no obstante os muros cotidianos
Siento vuestro corazón palpitar entre mis manos
Coloco en él mariposas coloradas de paz
Italia mía
de un corazón quebrantado
nacerá de nuevo la vida
más fuerte que antes
más bella que nunca

©hebemunoz

BELLEZZA IN MOVIMENTO /// BELLEZA EN MOVIMIENTO


Dal buio
faccio luce
Dalle lacrime
tiro fuori il coraggio
Dalla pioggia intorno
ne faccio una danza
Non resteró immobile
davanti al dolore
lo prenderò con i guanti
lo guarirò
in un girotondo d'amare
Perché la vita é
movimento
cambiamento
e respiro
battito di pianto
da dove scaturisce
l'amore
come segno di vittoria

©hebemunoz

(TRADUCCION EN ESPAÑOL)

De la oscuridad
haré luz
de las làgrimas
sacaré el coraje
De la lluvia alrededor
haré una danza
No me quedaré inmóvil
delante del dolor
Lo tomaré con guantes
lo sanaré
en una rueda rueda de amar
Porque la vida es
movimiento
cambio
y respiración
latir de llanto
de dònde brota
el amor
como señal de victoria

©hebemunoz

BOTTIGLIA AL MARE /// BOTELLA AL MAR


(Esercizio poetico sulla canzone "Chi fosse" del cantautore Silvio Rodriguez e la poesia "Bottiglia in mare" del poeta Mario Benedetti)
BOTTIGLIA IN MARE
Navigo 
tra le grotte
del mio cuore
dove l'eco antico
di momenti vissuti
batte
come un'onda
e mi bacia
Torno dagli abissi
con la pelle dell'anima salmastra
tatuata di alghe
di pesci colorati
ed una stella marina
sulla mia fronte
Guardo verso l'orizzonte
ed scopro futuri
nel sole dei tuoi occhi
dove mi guardo
mentre mi guardo
nuda e trasparente
Come il poeta
getto una bottiglia in mare
con i miei versi disordinati
sassolini di sogni
sabbia di passioni
conchiglie di mani aperte
nella speranza
che
qualcuno un giorno
li trovi
e faccia di tutto questo
spiagge di vissuto
ed un'oceano d'amare
©hebemunoz
(TRADUCCION EN ESPAÑOL)
(Ejercicio poètico sobre la canciòn "Quien fuera" del cantautor Silvio Rodríguez y la poesía "Botella al mar" del poeta Mario Benedetti)
BOTELLA EN EL MAR
Navego
entre las grutas
de mi corazón
donde el eco antiguo
de momentos vividos
golpea
como una ola
y me besa
Regreso de los abísmos
con la piel salubre
tauada de algas
de peces colorados
y una estrella marina
en mi frente
Miro hacia el horizonte
y descubro futuros
en el sol de tus ojos
donde me observo
mientras me observo
desnuda y transparente
Como el poeta
lanzo una botella al mar
con mis versos desordenados
piedritas de sueños
arena de pasiones
conchas marinas de manos abiertas
con la esperanza
que un día
alguien la encuentre
y haga de todo esto
playas de lo vivido
y un océano de amar
©hebemunoz

MI PIACE ///ME GUSTA


Mi piace l'est
di ogni giorno
e l'ora azzurra
minuti prima di
arrivare al suo ovest
sono tutte
intime carezze per l'anima
come il tuo sguardo
quando tocca la mia pelle
Mi piace il sospiro
prima di pronunciare
una parola
assomiglia tanto
ai pensieri che fai di me
Quello sgomento
che fa del mio petto un burrone
spingendomi al volo
quando il tuo abbraccio
attraversa il tempo
delle mie stagioni
tepora il mio ventre
a brividi
E l'onda in crescendo
che colpisce la roccia
una volta accostata
le lascia su
il suo sale e
la sua schiuma
è un tuo bacio
nascita e rinascita
La luna di mezzogiorno
che anticipa
il silenzio della sera
mi piace
come gli attimi nostri
uno spettacolo
di primizie in bianco e cielo
Mi piace
il prima di
l'adesso-ora
il dopo che
adoro sopratutto
il con te
hebemunoz©18.01.2017
(TRADUCCION EN ESPANOL)
Me gusta el este
de cada día
y la hora azùl
minutos antes
de llegar a su oeste
son todas
caricias ìntimas para el alma
como tu mirada
cuando toca mi piel
Me gusta el suspiro
antes de pronunciar
una palabra
se parece tanto
a los pensamientos
que tienes de mì
Esa costernaciòn
que hace de mi pecho un abismo
impulsàndme al vuelo
cuando tu abrazo
atraviesa el tiempo
de mis estaciones
entibia mi vientre
con escalofrìos
Es la ola in crescendo
que rompe sobre la roca
una vez abrazada a ella
le deja su sal
y su espuma
es un beso tuyo
nacer y renacer
La luna del mediodia
que anticipa
el silencio de la noche
me gusta
como nuestros momentos
un espectàculo de primicias
en blanco y cielo
Me gusta
el antes de
el en este momento ahora
 el despues que
adoro sobretodo
el contigo
hebemunoz©18.01.2017


La poetessa italo-venezuelana Hebe Munoz a Firenze

FONTE INFORMATIVA: 

http://www.comunicati-stampa.com/eventi/successo-di-hebe-munoz-a-firenze-109091/

Grande successo di pubblico a Firenze per la poetessa italo-venezuelana Hebe Munoz

Dalla sensualità all’umanità e alla femminilità, passando attraverso la maternità, i versi di Hebe Munoz hanno riempito ogni momento dell’incontro, lasciando nel pubblico presente un desiderio di rinascita e di voglia d’amare.Grande successo di pubblico a Firenze il 18 marzo per la poetessa italo-venezuelana Hebe Munoz, che, dopo il BookCity di Milano 2016, ha presentato il suo libro di poesie “PEGASA, Rinata dalle acque – Renacida de las aguas”.
L’incontro, a cura dell’Associazione Culturale Venezuela in Toscana e dell’Associazione Autori e Amici di Marzia Carocci, si è tenuto presso il Caffè Letterario Le Murate.
Presentato e moderato da Marzia Carocci, poetessa, scrittrice e critico recensionista letterario nonchè collaboratrice e coordinatrice di riviste letterarie, all’incontro ha partecipato, con l’esecuzione di brani musicali ispirati a Django Reinhardt, il Trio Manouche, composto da Marco Giulio Rossetti e Matteo Tommaso – Chitarre – e Marco Lorini – Contrabasso -.
Versi proclamati sia in italiano che in spagnolo e musica internazionale con la poetessa Hebe Munoz: quasi un “viaggio” pieno di emozioni intime, carico dei colori e della solarità latini fusi in perfetta armonia con i profumi e i sapori del “Bel Paese”, tra liriche profonde e libere e pregne della ricerca di armonia tra bellezza interiore e vita possibile.
Più che un evento è stato un abbraccio comune in poesia, con il coinvolgimento dei partecipanti che hanno anche proclamato loro stessi poesie e versi tratti dal libro.
Il libro di poesie di Hebe Munoz “PEGASA” – Isbn/Ean 9788891067159 – è in distribuzione presso Feltrinelli, Ibs e ilmiolibro.it.
Per info:
e-mail: hebemunoz1@gmail.com
website: www.impressioniecertezze.com
Facebook page: https://www.facebook.com/hebemunozpoesia/

Alcuni scatti durante la presentazione de Libro "PEGASA" Rinata dalle acque - Renacida de las aguas. Poesia di Hebe Munoz.









DA QUANDO SO CHIUDERE GLI OCCHI

Da quando so chiudere gli occhi
riesco a sentire
il rumore dei passi accelerati

che nella sua corsa

tutte le donne che sono stata

fanno per raggiungermi

Come grovigli

nelle scelte fate

si nascondono
desideri piegati con cura

come quello del primo soffio di vento
sull'altalena bambina

volare

Da quando ho imparato
ad aprire le mani

i colori sono
impronte sulle mie dita

nel dappertutto del ovunque
su chiunque

Semino fiori

Da quando mi giunse la parola

dalle mie labbra scaturisce il miele

da donare
da bere

E non c'é stato mai un sogno infranto

da quando

l'ho cullato sul mio petto
allattato con il mio seno

protetto sin dal grembo

Posso dunque

oltrepassare
ogni velo di vissuto

illuminare l'iride dell'anima
senza ombre né dubbi

danzare l'amare
nell'immensità dell'assoluto

Sarà allora

il tramonto

un bacio

tra la luce e l'avvenire

Immagine by Daniela Costanza Lintas
"Sentimento antico"
Tecnica mista su cartone telato 33x48
Anno 2016



















giovedì 23 marzo 2017

CAMMINANDO PER LA VITA /// CAMINANDO POR LA VIDA

Brindo a noi
a tutti i tramonti a due cuori

Brindo alla salute
di questo amare

Brindo per il coraggio
di costruire 

a quattro mani

albe traboccanti di verbi 
coniugati in tempo futuro 

mentre gustiamo 

a sorsi

presenti voluti

Salute

amor mío

©hebemunoz

///

Brindo por nosotros
por todos los atardeceres a dos corazones

Brindo a la salud
de este amar

Brindo por el coraje
de construir

a cuatro manos

amaneceres rebosantes de verbos
conjugados en tiempo futuro

mientras degustamos

a sorbos

presentes queridos

Salud
amore mio

©hebemunoz

Photo made by me.
Praga.

martedì 14 febbraio 2017

PRESENTAZIONE a Firenze di PEGASA

EVENTO!


Presentazione a Firenze di "PEGASA, Rinata dalle acque - Renacida de las aguas", libro di poesie di Hebe Muñoz


Con la collaborazione dell'Associazione Culturale Venezuela in Toscana, il critico letterario Marzia Carocci presenterà a Firenze il libro di poesie di Hebe Munoz "PEGASA".



Quando?  

Sabato 18 marzo dalle ore 16:30 alle ore 19:00 UTC+01

Dove?





Segue i dettagli dell'evento cliccando qui:


ti=ashttps://www.facebook.com/events/1816252295302356/


 

martedì 3 gennaio 2017

SE IO /// SI YO


Se io ti dico
cammino
verso dove vanno i tuoi piedi?
Se io ti dico
cielo
dove appendi le tue stelle?
E se ti dico
fremito
cosa accarezzano le tue dita?
Alla parola
infinito
cosa disegna la tua anima?
Se porgo tra le tue mani
la parola
Poesia
con quali tuoi versi
riempi l'aria?
Se in un abbraccio
ti do
vocali e consonanti
sospiri di tre punti
pause virgolate
come canti questo amare?
(TRADUCCION EN ESPAÑOL)
Si yo te digo
Camino
¿hacia dónde van tus pies?
Y si te digo
Cielo
¿dónde cuelgas tus estrellas?
Y si te digo
Tremor
¿qué es lo que acarician tus dedos?
A la palabra
Infinito
¿qué es lo que dibuja tu alma?
Si poso entre tus manos
la palabra
Poesía
¿con cuàles versos tuyos
colmas el aire?
Si en un abrazo
te doy
vocales y consonantes
suspiros de puntos suspensivos
pausas comadas
¿cómo cantas este amar?