sabato 24 novembre 2018

EBBENE /// Y BIEN


È feroce la tua voce

una mano che colpisce
il centro abissale
delle mie paure

mani forbici
tagliando a pezzettini
ogni mio sogno

perforatrici delle cose belle

In quanto al buio

dove mi avevi rinchiusa

l'ho sconfitto

nonostante
il suo ingannevole impegno di
farmi credere
che riusciva a contenere
il mio dolore muto che
urlava dall'epicentro
del mio sguardo abbassato

Ritagli di luna piena
tramontata dietro le mie colline

è il resto che mi chiedi indietro

tu
padrone di niente

Ebbene

ti lascio le briciole di me

quelle briciole che
hai schiacciato
tra le tue dita

Tieni

ti lascio tutto il mio nulla

perchè quella
non sono io

non appartiene a me

è tuo

Ho riempito l'abisso

Pezzo a pezzo
ho rimesso insieme
sogno e albe nuove

Ho fatto luce nella notte

alzato gli occhi al giorno

Non una ma due
ora sono le lune delle mie colline

A me
il divenire colmo

A te
l'immutabile rovina
delle tue miserie

A te
l'ottenebramento immancabile
della morte ripetuta

A me
il bagliore della rinascita
in questo spettacolo di vita

©hebemunoz

(TRADUCCION EN ESPAÑOL)

Es feroz tu voz

una mano que golpea
el centro abismal
de mis miedos

manos tijeras
cortando en pedacitos
cada uno de mis sueños

Perforadoras de las cosas bellas

En cuanto a la oscuridad

donde me habías encerrado

la he vencido

no obstante
su engañoso empeño
de hacerme creer
que podía contener
mi dolor mudo
que gritaba desde el epicentro
de mi mirada baja

Retazos de luna llena
crepusculando detrás de mis colinas

es el resto
que me pides que te dé

tú dueño de nada

Y bien

te dejo las migajas de mí

esas migajas
que has aplastado con tus dedos

Toma

te dejo toda mi nada

porque esa no soy yo

no me pertenece

es tuya

He llenado el abismo

Pedazo a pedazo
he juntado
sueños y albas nuevas

He hecho luz en la noche

alzado los ojos al día

No una sino dos
ahora son las lunas
de mis colinas

A mí
el devenir colmo

A ti
la inmutable ruina
de tu miseria

A ti
el oscurecimiento inmancable
de la muerte repetida

A mí
el resplandor del renacer
en este espectáculo de vida

©hebemunoz

domenica 11 novembre 2018

BASSA MAREA

A te

che mi porti sempre
a guardare il mare
in mezzo alla calma
di cui si ha bisogno
nei giorni di tempesta

dove salmastro è il bacio
della brezza viandante
venuta da lontano
con il suo tocco soave

bacio grembo
di tutti i ricordi

iodato liquido
dello sguardo fisso nell'orizzonte

Vorrei strappare il grigio

a mani nude

per dare una finestra alla luce

afinché tu possa guardarmi
cromatica in un sorriso

Questi sono giorni duri
amore mio

So per certo
che le maree calanti dei tempi
sono
un soffio contenuto di luna
dentro la bocca del sole

ed è in mezzo
a questo moto ondoso trasversale

dove io cammino alla ricerca
di conchiglie rare
sulla spiaggia oceanica
dei cuori

A te

che segni le mie orme
e che ne conti i passi

che sostieni con cura
il secchiello insabbiato
dove contengo

paleontologici dolori

sentimenti come
antichi organismi marini

rimasti negli strati
delle roccie sulle mie coste

A te

che con i miei corali
mi fai una collana preziosa
cosí divento bella

A te

che mi porti sempre
a guardare il mare

che mi dai la calma
di cui ho bisogno
nei giorni di tempesta

©hebemunoz